venerdì 26 agosto 2011

Calderoli e le vedove

In questo periodo,
dai nostri politici,
se ne sentono di tutti i colori
riguardo alla finanziaria.
Ognuno ha la sua bella proposta
e non si trovano due
che ne hanno una uguale.
Il meglio lo si sta vedendo
nella maggioranza,
(non che l'opposizione sia da meno
è solo più discreta e meno caciarona).
Lega da una parte,
Pdl dall'altra ed a sua volta
diviso in ogni dichiarazione.
Ognuno propone,
ma aspetta che altri decidono.
Berlusconi è scomparso,
le sue apparizioni televisive
ridotte al minimo.
Dicono che è in dieta,
secondo me,
lo stanno consumando.

La Lega non sa più dove andare
a parare, l'ultima uscita in ordine di tempo,
è quella di Calderoli,
che se l'è presa con le vedove:
visto che non hanno mai lavorato
e godono della pensione di reversibilità
a volte troppo alta del defunto marito.
Come se essere state delle casalinghe
e madri a tempo pieno sia una cosa
di cui vergognarsi e non meritevole di rispetto
e per questo debbano essere abbandonate
ad una pensione sociale oppure
che gli venga tolta gran parte della reversibilità.
Questo è il modo che hanno
di intendere la famiglia in seno alla lega!

Alla prossima
Nino P.

4 commenti:

zloris ha detto...

.... lega..."....." da legare....

La Scalza ha detto...

A parte che bisogna vedere se 'intendono', in generale.
Il nodo è che ognuno difende il suo feudo e per non toccarlo guardano quello successivo, dichiarandogli guerra.
Stiamo diventando un brutto paese.

nino p. ha detto...

molto brutto...

il Russo ha detto...

Siamo in piena sintonia vedo: bene, più siamo prima li mandiamo fuori dai coglioni!